Botswana

Viaggio in Botswana di 2 settimane | Internet, Lodges ed Eco Camps

19 Ago , 2021  

Proseguiamo a parlare del nostro itinerario in Botswana di 2 settimane… (qui il capitolo precedente)

Come ben sapete, amiamo la vita avventurosa… ma anche il servizio esclusivo che alcuni lodge e campi tendati di prestigio sanno offrire. Ecco perchè cerchiamo sempre di realizzare un “mix” di esperienze diverse nei nostri itinerari.

Siamo riusciti nell’intento anche in in altre occasioni, come ad esempio:

Viaggio in Nuova Zelanda

Lanzarote in 5 giorni – Itinerario completo

Qui di seguito vi linkiamo quindi per praticità le strutture che abbiamo scelto per il nostro itinerario in Botswana, sperando di fornirvi qualche spunto utile per la vostra progettazione.

Viaggio in Botswana di 2 settimane | Internet e Telefonia

Tra tutti i viaggi fatti finora, non c’è dubbio che quello in Botswana ha rappresentato le maggiori difficoltà riguardo il segnale internet e quello telefonico.

E’ anche vero che il nostro punto di vista è particolare perchè per noi internet svolge un ruolo molto importante visto che molto della nostra attività viene svolto online… quindi per chi non ha necessità specifiche magari può essere l’opportunità di fare un po’ di “detox digitale”.

Internet e la linea telefonica sono chiaramente disponibili nei centri abitati più grandi mentre nella gran parte delle strade secondarie ed anche all’interno dei parchi nazionali è consuetudine che non ci sia segnale.

Quasi tutti i lodges ed i campi hanno comunque una connessione da discreta a buona, anche dove manca il segnale telefonico in quanto si affidano prevalentemente a connessioni satellitari.

E a proposito di telefono satellitare, molto interessante che la nostra compagnia di noleggio auto ce ne abbia fornito uno per eventuali emergenze. Ovviamente non è servito, ma sapere di avere con noi comunque la possibilità di comunicare è stato rassicurante.

Al nostro arrivo a Kasane abbiamo acquistato una sim locale della Mascom (un po’ da tutti consigliata come la compagnia con la maggior copertura) ed abbiamo caricato 8Gb e 100 minuti (“airtime”) di chiamate locali. Il costo? Circa 17€-

Ne abbiamo poi caricati altrettanti a Maun, a metà viaggio.

Con il senno di poi, avremmo sicuramente acquistato anche una sim BTC, da usare nella zona del delta dell’Okavango. Pur se intermittente, all’interno di quel vasto territorio l’unico operatore che sembrava “reggere” era proprio BTC. Visto il costo abbastanza esiguo, non ci avremmo pensato due volte. Per il resto, Mascom è andata bene.

Viaggio in Botswana di 2 settimane | Lodges ed Eco Camps

Kasane

Kasane è stato il punto di partenza e quello di conclusione del viaggio in Botswana e qui abbiamo pernottato in due strutture davvero molto suggestive perchè entrambe affacciate sul fiume…

Kubu Lodge

Il Kubu Lodge è formato da deliziosi cottage su un prato davanti al corso d’acqua, con simpatici “pumba” che scorrazzano a pochi passi.

I proprietari hanno curato con amore non solo l’accoglienza ma si sono assicurati durante tutto il soggiorno che la stanza e la cena fossero di totale gradimento. Per noi, un bel dieci per l’aperitivo e la cena sulla terrazza!

Marina Chobe Lodge

E’ una grande struttura in posizione eccellente per crociere sul fiume e safari al Chobe River Front NP.  Piscina e aree comuni sono molto belle e curate. La vegetazione per noi è il punto forte, perchè grazie ad un sistema di irrigazione a nebulizzazione, ricorda una foresta pluviale.

Maun

Thamalakane River Lodge

Posizione eccellente per iniziare l’esplorazione dell’Okavango Delta. Imperdibile il “sunset cruise”, i colori del tramonto sono stati tra i più incredibili che abbiamo mai visto.

Il nostro bungalow davanti al fiume, elegante e spazioso si farà ricordare per i coccodrilli che durante la notte passeggiavano davanti alla nostra verandina 🙂

Okavango Delta

Mma Dinare Tented Camp

Un lodge immerso in una natura quasi incontaminata… ecco perchè il modo migliore per arrivare qui è in aereo. Tende eleganti con tutti i comfort con vista sui corsi d’acqua.

I safari in mokoro ed i game drives sono stati mozzafiato. Elefanti, leopardi, leoni ci hanno regalato emozioni con una frequenza di avvistamento parwgonabile a pochi altri luoghi.

Ricorderemo questo lodge non solo per la bellezza della struttura e della natura circostante ma anche perchè siamo riusciti a realizzare qui un grande sogno… rinnovare i voti nuziali in forma privata proprio prima di una crociera in mokoro! Presto vi racconteremo maggiori dettagli di quel giorno speciale….

Nogatsaa: 

Nogatsaa Pans Chobe Lodge

Un lodge incantevole all’interno del Chobe National Park, in una zona remota che dista poco più di 2 ore dalla vivace città di Kasane.

Il suo essere cosi distante da tutto lo rende incredibilmente affascinante. Non dimenticheremo mai la cena sotto le stelle tra fiaccole e canti locali come resterà per sempre nel nostro cuore la gentilezza del suo staff.

Punto di assoluta forza il lago davanti al lodge in cui tantissimi ippopotami prendevano il sole e borbottavano…

Nella stagione secca, soggiornando qui, praticamente non è necessario neppure uscire in safari: la quantità e la varietà di animali che vengono alla pozza permette anche a volte di ammirare scene di caccia a due passi dalle tende!

Kuzuma Forest:

Camp Kuzuma

Un vero gioiellino, gestito da una coppia di manager davvero speciali: Shirley e Kevin.

La nostra era una tenda lussuosa, stile coloniale. con vista sulla pozza… in cui durante la giornata elefanti e altri animali andavano a bere liberamente. Arredamento, cucina, cura dei dettagli, gentilezza e professionalità dello staff sono stati ineccepibili.

La posizione in cui è collocato è un plus (corridoio naturale per la fauna tra Zimbabwe e Botswana) e ciò lo rende davvero meraviglioso. Siamo certi che ci torneremo…

Viaggio in Botswana di 2 settimane | Ulteriori Consigli

Non seguite il Navigatore “alla cieca”! Soprattutto se vi propone “scorciatoie”…

Le strade in Botswana, soprattutto quelle meno battute, possono presentare facilmente degli imprevisti. Proprio perchè meno utilizzate, potrebbero essere controllate con meno frequenza e potreste trovare ad esempio degli alberi caduti (gli elefanti sono maestri in questo!) o tratti con sabbia un po’ troppo alta.

Se siete in gruppo, viaggiate in “carovana”…

Più volte ci hanno chiesto se avevamo affrontato da soli il tragitto in pista secondaria…  e più volte ci hanno chiesto… “mmm, e se restavate bloccati, chi vi aiutava?”.

E’ pur vero che la nostra auto si è rivelata il nostro miglior “asset”, ma bisogna essere anche un po’ esperti nel guidare nella sabbia.

Pato in diverse occasioni mi ha chiesto se volevo provare e ci credete che non me la sono sentita? Il problema era… se ci insabbiamo? che facciamo? ah ah ah

Insomma se viaggiate in gruppo con più auto non distanziatevi troppo, così all’occorrenza vi potrete aiutare.

Ogni volta che attraversate un gate di un parco, o decidete di intraprendere una pista piuttosto di un’altra, chiedete in quali condizioni è quella strada…

Ci è stato di notevole aiuto chiedere un parere nonostante avessimo studiato tutto nei minimi dettagli. Per due volte infatti ci hanno caldamente consigliato di cambiare strada dicendo che erano mesi che non venivano percorse e non sapevano cosa potevamo trovare. Alcuni ci dicevano proprio… “io non lo farei… sabbia troppo alta”.

Pensate che procedendo dal Nogatsaa Pan Lodge direzione Kuzuma Forest, per arrivare ad incrociare la strada principale che collega Kasane a Nata abbiamo avuto la possibilità di seguire dei ranger che proprio in quel momento lasciavano il parco, facendoci “tagliare” attraverso una pista tagliafuoco (non segnalata su mappa) per quasi 2 ore che si rivelata addirittura la più ben manutenuta strada sterrata che abbiamo percorso in Botswana! Ed era inesistente sia nei navigatori che su cartina.

Non fidatevi a scendere dall’auto se non strettamente necessario…

Si percorrono km e km tra un parco nazionale e l’altro. Vi troverete spesso elefanti che di colpo vi attraversano la strada, cosi come bufali, giraffe ed impala.

Oltre a stare sempre molto attenti alla guida e a non andare oltre la velocità consigliata, non scendete dall’auto pensando che non ci siano pericoli li intorno.

Molte volte ci si può dimenticare che i leoni, i leopardi, le iene… o più semplicemente un elefante con un po’ troppo testosterone possono essere realmente ovunque! E soprattutto, non sono facilmente individuabili nel bush.

Più volte ci è capitato di fermarci, spegnere il motore per controllare meglio una cartina… e sentire a due passi dai noi il ruggito di un leone! A soli due passi da noi!!!

I più silenziosi, comunque, sono gli elefanti. Li sentite solo se si divertono a strappare arbusti e spezzare rami. Ma i loro passi, quelli non li sentirete!

Pensate che di notte, con il miglior silenzio possibile, attraversavano le piazzole dei campeggi, rasenti le auto, e ce ne accorgevamo solo quando iniziavano a spolpare gli alberi.

Troverete alcuni posti in cui ci sono dei cartelli con scritto “rest area” oppure “stretch area”… quelle sono le aree in cui (con attenzione!) si può scendere dall’auto a sgranchirsi le gambe, il che non significa “andare a farsi una passeggiata”! ah ah ah

Economizzare acqua ed energia elettrica..

Vi sono lodge e campi meravigliosi che sfruttano esclusivamente l’energia solare, per cui è importante fare attenzione al consumo di corrente elettrica e a quello dell’acqua.

E’ vitale essere rispettosi degli orari che vengono indicati (su quando usare l’acqua calda o quando non usarla) e spegnere sempre le luci ogni volta che ci si muove dalla propria tenda o stanza.

Sembrano consigli banali ma chiacchierando con i vari manager abbiamo capito quanto sia “enorme” questa cosa nella corretta gestione energetica di quell’insediamento in una zona così remota e da lasciare il più possibile “immacolata”.

La maggior parte della gente non segue rigorosamente le indicazioni non per menefreghismo, ma piuttosto perchè spesso gli automatismi della vita di tutti i giorni prendono il sopravvento…

Non spostarsi dalla tenda o dalla stanza dal tramonto all’alba…

Vi verrà quasi sempre indicato che verrete scortati nei movimenti da e verso la vostra tenda dopo il calare del sole. Il motivo? I campi non sono quasi mai recintati e spesso gli animali si avvicinano alle passerelle e alle tende.

Per quale motivo? Semplice…. i lodge ed i campi sono posizionati in modo strategico vicino alle pozze (naturali o artificiali) e ciò permette di regalare agli ospiti scenari e avvistamenti mozzafiato…

State gia progettando un viaggio in questo meraviglioso territorio? Avete altre domande da farci?

Chiedete pure ragazzi 🙂

 

By


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.