Norvegia

Senja e Lofoten in camper

6 Ott , 2021  

Visitare Senja e le Lofoten in camper è una delle esperienza più belle che si possono fare in Norvegia… ma mai avremmo immaginato potesse diventare così “fiabesca” grazie ai colori dell’autunno.

Senja e Lofoten in camper

Siamo atterrati all’aeroporto di Tromsø sotto una pioggerellina fastidiosa, ma che sembrava la “normalità” del periodo. Non sapevamo ovviamente che le nuvole l’indomani si sarebbero diradate ed avremmo avuto la fortuna di godere di 6 giorni di sole!

Senja e Lofoten in camper | Il nostro mezzo

Arrivati agli uffici della Touring Cars di Tromsø (grazie al transfer incluso nella formula “Lux”) abbiamo finalmente visto il camper che avremmo utilizzato nei giorni seguenti… e non appena abbiamo aperto la porta dell’unità abitativa siamo rimasti a bocca aperta.

Gli interni eleganti e i mille dettagli, frutto di una progettualità curata in modo maniacale, ci hanno immediatamente conquistati… luci ovunque, vani portaoggetti ovunque, elementi tecnologici ovunque!

Giusto per fare un breve elenco non esaustivo: riscaldamento a gas (equipaggiamento con due bombole), acqua calda sanitaria, fornelli a gas, lavello, aria condizionata, impianto di diffusione, televisione con impianto satellitare ed account Netflix, scaletta elettrica con luce di cortesia, pannello di controllo elettronico del riscaldamento e dell’acqua calda, controllo consumo elettricità delle batterie, controllo del livello dei serbatoi dell’acqua (potabile ed acque grigie), bagno con wc, lavandino e doccia, barbecue, tavolo e sedie da campeggio, tendine schermanti integrate, frigorifero ultra capiente con freezer, ecc. ecc.

Insomma, una autentica “suite deluxe” su 4 ruote!

Abbiamo molto apprezzato la velocità con la quale abbiamo ritirato il camper… in poco più di un’ora eravamo in strada. Questo perchè il personale della Touring Cars era ad aspettarci fuori dall’aeroporto, i documenti erano già pronti ed il mezzo era li parcheggiato all’ingresso e preparato di tutto punto.

Non è stato per nulla difficile familiarizzare con i 7,7 metri di lunghezza del camper… già solo dopo un paio d’ore la sensazione di guida è stata quella di condurre una grande automobile.

Molto maneggevole (il passo era sorprendentemente corto) e dalla risposta molto “elastica” sulle continue salite e discese delle strade di questo pezzo di Norvegia.

Senja e Lofoten in camper

Senja e Lofoten in camper | L’itinerario

Giorno 1 – Da Tromsø a Senja
Giorno 2 – Trekking per Hesten
Giorno 3 – Da Senja alle Lofoten
Giorno 4 – Tragitto fino a Svinoya
Giorno 5 – Da Svinoya ad Å e ritorno
Giorno 6 – Verso Est fino ad Abisko
Giorno 7 – Rientro a Tromsø

 

Giorno 1
Da Tromsø a Senja

Per visitare Senja e le Lofoten in camper siamo partiti da Tromsø l’indomani mattina ed abbiamo raggiunto Senja nel primissimo pomeriggio. Prima tappa il paesino di Husøy, che “avvolge” l’omonima piccola isoletta sul fiordo.

Da li abbiamo proseguito verso sud ed abbiamo raggiunto la “piazzola” per la notte, nei pressi di un bacino idrico di acqua potabile, abbastanza vicini al posto dove l’indomani saremmo partiti per un trekking.

In Norvegia è possibile pernottare in camper o campeggiare un po’ ovunque su suolo pubblico. Va mantenuta una distanza di almeno 150mt dalle abitazioni più vicine ed ovviamente non bisogna entrare nei terreni privati, per cui molte delle “stradine” che si trovano lungo le arterie principali sono parte di essi.

Comunque, si riesce a capire bene se una strada, anche sterrata, è parte di una proprietà privata e molte hanno un cartello che lo indica esplicitamente.

Noi abbiamo anche scaricato alcune applicazioni per individuare la collocazione delle piazzole di sosta adatte allo scopo ed utilizzate da numerosi camperisti… e quella che ci ha aiutati di più è stata park4night.

Giorno 2
Trekking per Hesten

Il giorno seguente ci siamo diretti verso Fjordgard da cui partiva il trekking per Hesten, un picco montuoso da cui ammirare il “dente” di roccia di cui è composta la montagna Segla.

Abbiamo raggiunto la vetta dopo circa un’ora e mezzo di cammino in salita moderata, a parte l’ultimo pezzo che si è rivelato un po’ più ripido.

Per seguire il sentiero anche in modo “tecnologico” abbiamo utilizzato l’app di Outdoor Active.

Il panorama è di una bellezza disarmante… e con la luce autunnale che fa risaltare i colori dal giallo all’arancio fino al rosso, lo scorcio risulta ancora più fotogenico.

Dopo il trekking ci siamo diretti ancora verso sud est, proseguendo lungo la strada 862 (panoramica) e fermandoci nei pressi di Skaland, su un’altra piazzola a dir poco spettacolare…

L’area di sosta era proprio davanti ad una baia. Ad un certo punto l’acqua è diventata un’enorme specchio che rifletteva un cielo via via sempre meno nuvoloso… prima occasione per l’aurora?

Ebbene si, la “dama verde” ha fatto la sua comparsa sulla volta celeste e, coincidenza più unica che rara, si è fatta fotografare proprio mentre un razzo Atlas V lanciato dalla NASA la attraversava!

Giorno 3
Da Senja alle Lofoten

Dopo un sonno piuttosto “corto”, l’indomani mattina abbiamo ripreso la strada in direzione Lofoten.

Lungo il tragitto ci siamo fermati a visitare un piccolo villaggio con abitazioni molto caratteristiche per la costruzione in legno ed il tetto con il rivestimento in torba.

E’ abbastanza frequente ancora oggi vedere il tipico “tetto d’erba” delle antiche case dei vichinghi, senza dubbio per mantenere viva una tradizione secolare, ma possibile grazie al fatto che la torba è ancor oggi uno dei materiali più capaci di isolare il tetto dalle rigide temperature invernali.

Dopo questa breve sosta ripartiamo e, nel pomeriggio, raggiungiamo un’altra piazzola molto carina nei pressi di un ruscello e di un ponte sospeso.

Giorno 4
Tragitto fino a Svinoya

Partenza al mattino presto con direzione Svolvaer.

Il tragitto in sè è piuttosto corto, ma le soste fotografiche si susseguono, quindi alla fine ci arriviamo nel primo pomeriggio.

Man mano che ci siamo addentrati in questa “striscia” di isole e promontori, il nostro stupore aumentava… le Lofoten esprimono in modo drammaticamente bello il contrasto scenico tra il mare, piatto e sinuoso, e le omnipresenti guglie rocciose.

Arrivati a Svinoya, abbiamo pernottato in una tipica abitazione di colore rosso, storicamente usata dai pescatori delle Lofoten: la Rorbu presso Svinoya Rorbuer.

E qui abbiamo avuto il privilegio di ammirare per la seconda volta l’Aurora Boreale…

Il cielo ha iniziato ad aprirsi verso le 20.00 e ci ha permesso di ammirare le fluttuazioni tipiche del fenomeno. Il movimento è molto spesso simile a delle tende luminose che si muovono nel cielo. Altre volte inizia in un punto e disegna un arco con un fascione luminoso…

Giorno 5
Da Svinoya ad Å e ritorno

La giornata è iniziata presto: direzione Å (si proprio così, una A con un pallino sopra)… paesino che vanta il nome più corto al mondo e che è l’ultimo avamposto umano nelle isole Lofoten.

La giornata è stata particolarmente intensa e per noi è stata “magica” visto che abbiamo anche celebrato un nostro intimo rinnovo delle promesse nuziali nella chiesetta rossa di Flakstad…

Vi elenchiamo alcune delle tappe lungo il percorso: Henningsvaer (paesino sviluppato sun un piccolo insieme di isolette, famoso per le foto del campo di calcio molto vicino al faro), la chiesetta rossa di Flakstad, i paesini di Hamnøy e di Reine ed infine Å… che è anche dove finisce la strada!

Al rientro, a Svinoya, iniziava una serata in cui l’aurora boreale ha dato il meglio di sè…

Giorno 6
Verso Est fino ad Abisko

Nell’ultima giornata piena disponibile per il nostro viaggio a Senja e Lofoten in camper decidiamo di spostarci completamente di zona ed andare a visitare L’Abisko National Park in Svezia.

Siamo rimasti colpiti da come cambiava il paesaggio man mano che lasciavamo la costa per l’entroterra… la zona intorno al confine Norvegia-Svezia è molto particolare: il terreno è puntellato di pozze e piccoli laghetti e, considerando che siamo saliti di altitudine, l’ampiezza del panorama è suggestiva…

Dall’Abisko National Park si può percorrere uno dei sentieri più famosi al mondo, il Kungsleden (sentiero del Re) che è lungo circa 400km…

Pernottiamo in una piazzola in terra norvegese, molto vicina comunque al confine.

La mattina successiva, rientriamo a Tromso per riconsegnare il camper e prendere il volo di rientro.

Senja e Lofoten in camper | Info utili

Restrizioni

Al momento del nostro viaggio a Senja e Lofoten in camper (fine Settembre 2021), la Norvegia ha allentato le restrizioni legate al covid e sostanzialmente non vi sono più obblighi (mascherine, distanziamento, ecc.) ma considerato che, seppur limitatamente, il virus circola ancora, è meglio agire con buonsenso.

Per quanto riguarda l’ingresso in terra Norvegese, tutte le info sono qui, al momento del nostro viaggio ci è stato richiesto solo il certificato covid-19 europeo (il nostro Green Pass).

Benzina, telefonia, internet, valuta

La valuta è la Corona Norvegese, che vale circa 10 centesimi di Euro. Abbiamo trovato diversi posti che accettavano anche gli Euro, ma consigliamo di cambiare o prelevare Corone per le esigenze di tutti i giorni.

I prezzi sono più alti rispetto all’Italia: dal 30% fino al 80% in più per i generi alimentari più comuni… e sono anche sensibilmente costosi i souvenir.

La benzina ed il diesel “girano” rispettivamente intorno alle 19 e 18 corone (1,90€ e 1,80€ al litro). Circa il 20% in più di quanto spendiamo adesso da noi… e considerando che comunque la Norvegia è un paese che produce quantità considerevoli di petrolio, ciò fa intuire il costo della vita che c’è in generale.

Tutti i distributori che abbiamo trovato erano automatici, quindi pagamento solo con carta di credito o debito su circuiti Visa e Mastercard.

Per quanto riguarda internet e linea cellulare, funziona tutto come da noi (roaming europeo). Su una cosa resterete piacevolmente impressionati: il segnale internet è molto buono anche in luoghi in cui immaginereste che non ci fosse o fosse scadente!

App utilizzate

Google Maps funziona bene, ben aggiornate anche le indicazioni dei limiti di velocità in tempo reale su ogni strada (abbiamo perso il conto degli autovelox che abbiamo incontrato!).

Per quanto riguarda la ricerca delle piazzole per il camper, la più utile ed affidabile è stata park4night. Avevamo scaricato anche Stellplatz ma non l’abbiamo usata praticamente mai, mentre Campercontact l’abbiamo consultata giusto un paio di volte.

Per i trekking, molto utile Outdoor Active.

Per l’aurora boreale abbiamo crociato dati provenienti da apps e siti web: My Aurora Forecast, Aurora Forecast, Northern Lights Aurora Alerts ed Aurora Now per quanto riguarda le app e www.yr.no per quanto riguarda le previsioni meteorologiche e la copertura nuvolosa.

By


5 Commenti

  1. Imma Battaglia ha detto:

    E sorprendente leggere dei racconti di viaggio e rimanerne affascinati!
    Questo dipende da due principali motivi:
    La bravura nel descriverli
    E L amore personale di viaggiare e visitare quei luoghi nn ancora raggiunti!
    Grazie per la testimonianza
    Spero di andarci quanto prima!
    Se e possibile potrebbe parlarmi dei costi di tt il viaggio?
    Volo camper rorbu benzina e cibo?
    Grazie mille
    Imma battaglia

    • HerbaPatiStyle ha detto:

      Grazie mille per le tue splendide parole. Amiamo raccontare i nostri viaggi, speriamo sempre di poter essere d’aiuto con qualche spunto o consiglio, visto che anche per noi prima di un viaggio sono fondamentali le esperienze di chi prima di noi c’e’ stato.
      Per il volo siamo riusciti a trovare un volo con ottimi prezzi e orari da Venezia – Francoforte a Tromso. Totale per due con Luthansa imtorno ai 300.
      Per la benzina su per giù per 7 giorni 300 euro.
      Cibo è un po’ complicato darti i costi perchè noi ci siamo portati dall’italia dei nostri pasti e quindi siamo riusciti a risparmiare spendendo in totale sui 250 euro (attenzione abbiamo sempre mangiato in camper). La spesa al supermercato è davvero caruccia.
      Per il Rorbu e Camper sul loro sito puoi trovare i vari prezzi a secondo del modello e del periodo.
      Spero di esserto stata d’aiuto.

  2. Imma battaglia ha detto:

    Grazie mille!
    Ma se X lei nn è un problema potrebbe parlarmi del costo che lei ha sostenuto per il rorbu ed il camper X 7 giorni?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.