Finlandia, Lapponia, Svezia

La nostra Lapponia… attraverso la sua gente!

5 Apr , 2017  

Se è vero che “non tutte le ciambelle riescono col buco”… è altrettanto vero che non tutti i viaggi lasciano quella sensazione di aver vissuto un’esperienza completa del territorio e delle sue genti, come quei 5 giorni che abbiamo passato costantemente “a cavallo” del fiume Tornio, a metà del mese di Marzo, grazie a LappOne di Alessandro Maccari.

Il confine tra Lapponia Svedese e Lapponia Finlandese è lì tracciato dal fiume: una pura convenzione geografica, visto che le due sponde condividono storia e tradizioni comuni.

Abbiamo soggiornato a Karungi, presso l’Hulkoffgården di Pia e Kurt che gestiscono la struttura da circa 20 anni. Sono la quattordicesima generazione di Hulkoff che abita lì. A dirla tutta, la struttura è stata utilizzata come alloggio fin dal settecento.

Abbiamo avuto fin da subito un “assaggio” dell’ospitalità dei padroni di casa perchè il primo giorno siamo arrivati alle 4 del pomeriggio e ci hanno imbandito la tavola con talmente tante cose che abbiamo dovuto “tirare il freno a mano” per evitare di fare cena fuori orario!


Kurt si è rivelato  uno chef incredibilmente bravo e dietro quell’espressione di chi, in queste terre del Grande Nord ha dietro le spalle una vita di lavoro senza mai essersi risparmiato, abbiamo trovato una persona molto attenta a non farci mancare nulla… pronta e disponibile.

Lo stesso vale per Pia, sempre sorridente ed affabile, che ci ha raccontato dell’incendio che qualche anno fa ha devastato parte della proprietà…. e di come tutta la famiglia si sia rimboccata le maniche per realizzare ciò che hanno ora: un angolo di paradiso in mezzo alla natura.


Un’altra persona che abbiamo incontrato più volte, durante le varie attività programmate da LappOne, è Risto, che gestisce una società, la Nordic Safaris, da diversi anni.

In pratica è stato il nostro punto di riferimento per la logistica di tutte le escursioni che abbiamo fatto sul fiume Tornio, dalla pesca sul ghiaccio all’escursione in motoslitta.

La cosa che più ci ha colpito di Risto è che DAVVERO non stava mai fermo!

Il primo giorno ha guidato il gruppo di motoslitte attraverso i boschi… e quando ci siamo fermati a metà tragitto presso una Kota di cacciatori ci ha rapidamente servito delle bevande calde per ristorarci dal freddo… il giorno successivo ci ha insegnato a pescare sul ghiaccio, ha fatto avanti e indietro dal fiume a Kukkolankoski per portarci da mangiare e da bere… e ha allestito un barbecue sul letto del fiume ghiacciato per gustarci il pesce appena pescato!

Lo abbiamo “decifrato” così: un uomo che sotto quel modo di fare “da Rambo nordico”, cela una grande generosità d’animo. Si è impegnato energicamente per far sì che le escursioni fossero un successo… e lo sono state pienamente!

Risto “in sintesi” è così:
…ci fermiamo in mezzo al fiume ghiacciato per aspettare il resto del gruppo con le motoslitte… ci fa allineare le motoslitte una fianco all’altra quasi a formare una ideale linea di partenza… si dedica a scattarci delle foto e si assicura che ne siamo soddisfatti, poi va avanti di qualche metro, fa un pupazzo di neve, torna indietro, si posiziona con la motoslitta davanti alla linea di partenza, si gira e ci sorride, fa il segnale di mettere in moto e… viaaaa! Punta dritto al pupazzo di neve, lo spiana con la motoslitta chiamando la carica quasi fossimo dei cavalieri…  se la gode lui e ce la ridiamo noi… e via dritti verso il bosco! SPETTACOLO!


Ulla possiede cani husky da circa 30 anni.

Il suo “feudo” è tra i boschi di Lautiosaari e Sompujarvi e lei ne è la Regina.

Ha preso il primo cane da un amico che lo teneva in appartamento: il cane era irrequieto ed era solito danneggiare il mobilio di casa. Non appena Ulla lo portò in campagna, il cane diventò più mansueto e lei lo addestrò per tirare la slitta: da qui partì l’idea dell’allevamento, che ora comprende circa 30 cani.

Ulla non ha una vera e propria attività commerciale: per lei è necessario innanzitutto ripagarsi delle spese, considerato che i cani consumano circa 300 kg di crocchette al mese.

I cani la rispettano e la adorano: la sua autorità è assoluta, ma affermata con il potere della dolcezza e dell’amore: è qualcosa di cui te ne accorgi appena la vedi… e soprattutto quando osservi i cani interagire con lei!

Quegli husky sono stupendi… come ci hanno visto hanno iniziato ad abbaiare ed ululare perchè sapevano che di li a poco sarebbero partiti con noi per un giro nella foresta: erano eccitati e caotici… fino al momento in cui è arrivata lei: i cani l’hanno vista e hanno cambiato atteggiamento… attenti al loro Leader, sempre contenti ma più ordinati e alla ricerca della sua conferma che tra poco sarebbero partiti per il safari…

Noi abbiamo sei cani e avvantaggiati dal nostro rapporto quotidiano con i nostri amici a quattro zampe, abbiamo potuto leggere  bene i comportamenti dei membri di quel branco… ci ha riempiti di gioia constatare quanto intenso fosse il rapporto di Ulla con i suoi husky!


L’ultimo giorno abbiamo avuto un incontro molto particolare e suggestivo con una sciamana, intorno al fuoco.

Ci ha accolto con il suo sorriso e ci ha offerto la sua interpretazione del messaggio che è celato nell’energia che si irradiava dai nostri corpi…

Il suo nome è Ryshaya Vetma. Pratica riti sciamanici da circa 25 anni.

Possiamo dirvi questo: ha incantato con il suo carisma e con la sua capacità di comunicare ciò che percepiva sempre in modo positivo, anche se avvertiva nella persona con cui parlava, ansietà o un passato di sofferenze.

Difficile rappresentarvi efficacemente cosa è successo in quel tardo pomeriggio del 16 di Marzo… i suoni e l’atmosfera erano molto suggestivi… e ci ha coinvolti pienamente.

Ha colpito nel segno, ad alcuni di noi è sembrato quasi leggesse dai nostri occhi come da un libro aperto… un’esperienza unica, da vivere intensamente… e da “inquadrare” individualmente.

Queste persone (e tutti coloro che le hanno aiutate) hanno lasciato un segno indelebile nella nostra memoria… siamo partiti sperando di portare a casa qualche bello scatto dell’aurora boreale, degli husky, dei boschi, delle renne (e certamente ci siamo riusciti visto che abbiamo riempito un hard disk!)… ma in realtà siamo tornati a casa con molto di più… la percezione di aver vissuto, per qualche giorno, la VERA Lapponia… quella di madre natura e delle sue genti!

By



1 Commento

  1. cicciopollo ha detto:

    Ciao ciao!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.