Finlandia, Lapponia, Svezia

La Rompighiaccio Sampo: come prepararsi al meglio!!!

18 Mar , 2018  

Beh, che saremmo scesi dalla rompighiaccio Sampo… e l’avremmo finita “a mollo” nel “surgelato” Golfo di Bothnia, proprio non l’avremmo immaginato!
Ed invece è andata così…  il nostro secondo viaggio in Lapponia ci ha portati a Kemi, dove ci siamo imbarcarci sulla rompighiaccio che per 30 anni è stata al servizio della Finlandia aprendo la via alle navi mercantili, spesso in condizioni a dir poco estreme…
 La nostra esperienza:
Comunque… erano le 12.15 quando siamo arrivati al Check-In Point della rompighiaccio Sampo: parcheggiamo l’auto ed andiamo a ritirare i biglietti…
Programma ultradettagliato: 12.30 salita a bordo, 12.45 pranzo, 14.15 riunione con la nostra guida Karola per il tour della nave ed infine, alle 15.35… bagnetto in mare (appena aperto “fresco fresco” dalla rompighiaccio Sampo…) dentro una muta di sopravvivenza!
Che, avremmo avuto freddo??? Mah no… se lo fanno anche i pinguini, non lo possiamo fare noi???
Vabbè, sorvoliamo (per il momento!) sulle nostre incoscienti considerazioni e proseguiamo nel racconto…
In 15 minuti “divoriamo” fotograficamente la nave, che possiamo girare in lungo e in largo… e ci dirigiamo quindi verso il ristorante dove un elegante tavolino “fronte oblò” ci attendeva per il “lunch” con la lampada accesa…
Ma non dovevamo pranzare “alla peschereccia” su una tavolaccia puzzosa di pesce? 😉
Ehm, no… qui ristorantino elegante e tavoli preparati in modo impeccabile…
Tono scherzoso a parte, la rompighiaccio Sampo dopo i tanti anni di servizio in mare, è stata restaurata nei minimi particolari e con una cura dei dettagli tale da renderla davvero molto confortevole per le escursioni turistiche che la vedono costantemente operativa in mare…
Un esempio? Menu di 3 portate che inizia con una succulenta zuppa di salmone e patate… perfetta per riscaldarci un po’ viste le temperature esterne non proprio estive…
…portata principale a base di carne e schiacciatine di patate ed infine il dessert al cioccolato, bagnato da una crema leggera e davvero deliziosa!
Una cosa non ci era chiara, però…
Da piccolini, quando eravamo al mare, mamma e papà ci raccomandavano di… “non fare il bagno per 2 ore dopo aver mangiato, perchè ti viene una congestione!”
Ora… perchè qui invece il “bagnetto” lo faremo dopo solo un’ora… ed alla “gentilissima” temperatura di 2 gradi dentro l’acqua e MENO 8 GRADI fuori dall’acqua??? Che, forse qui la congestione non sanno cos’è???
Ed in effetti, dietro questa affermazione, un fondo di verità c’è… comunque, scopriremo le intenzioni della “ciurma” tra non molto… dopo alcune info tecniche…
Storia della Sampo:
 La rompighiaccio Sampo è stata costruita nel 1960, è lunga 75 metri, larga 17 ed ha 4 motori elettrici-diesel che sviluppano una potenza complessiva di 8800 cavalli.
Non ha l’ambizione di essere una delle rompighiaccio più grandi, bensì di essere molto maneggevole, così da potersi muovere agevolmente e svolgere il suo compito anche in tratti di mare stretti tra le varie isole.
E’ anche per questo che è dotata di motori diesel/elettrici: permettono di avanzare e retrocedere con una maggiore facilità rispetto ai motori diesel e basta.
La tecnica con cui rompe il ghiaccio, infatti, è quella di avanzare adagiandosi (ha la “pancia piatta”) sui lastroni fino a creparli a causa del peso. A volte però, se il ghiaccio è troppo spesso e compatto,  può avere la necessità di indietreggiare e riprovare più volte. Riesce ad aprire la via di navigazione frantumando spessori fino a 80-120cm.
E’ andata in “pensione” come rompighiaccio per le navi mercantili perchè la sua larghezza è diventata insufficiente rispetto ai natanti commerciali più grandi e quindi è stata trasformata in attrazione turistica.
 
Tornando al tour, abbiamo avuto l’opportunità di vedere la sala macchine, la postazione per l’ingegnere e l’elettricista capo e la plancia di comando… oltre a girare liberamente per i ponti della nave…
Al largo la visuale è meravigliosa… una distesa sconfinata di ghiaccio e neve che lascia a bocca aperta…
Siamo quindi giunti al punto in cui la rompighiaccio Sampo si ferma e ci viene permesso di scendere a passeggiare sul mare ghiacciato, che è una cosa molto, molto suggestiva!
 
Alcune foto sono davvero uniche nel loro genere, come lo è quest’esperienza, nella sua totalità!
Il tempo di fare qualche scatto ai piedi della rompighiaccio Sampo e risaliamo per metterci la tuta… si, avete capito bene, la tuta da sopravvivenza con cui ci saremmo lasciati galleggiare nel mare scuro, tra i ghiacci!
 
Tolte le scarpe ed i giubbotti, il personale ci ha aiutato ad infilarci queste pesanti “membrane” rosse ed arancioni che si chiudono in modo ermetico intorno al volto… producendo un effetto “lifting” davvero invidiabile…
Le tute fanno un tutt’uno (scusate la cacofonia) con i guantoni… tanto da farti venire spontaneo assumere la movenze di un pinguino… ma di sicuro, li dentro, acqua non ne entra proprio!
L’esperienza è stata incredibile: non si percepisce minimamente la fredda temperatura esterna e la “galleggiata” nn solo è piacevole, ma addirittura… rilassante!
Cosa dire, infine, dei diplomi che ci hanno regalato a fine crociera? Vi immaginate che da adesso in poi siamo abilitati a portare una rompighiaccio in giro per il mare? Beh, magari anche no… ma lavorare di fantasia e sognare, in fondo, non costa nulla!
Eggià, sognare… il termine è azzeccato, perchè questa esperienza con la rompighiaccio Sampo è una di quelle cose da fare almeno una volta nella vita… uno di quei piccoli sogni da realizzare e trasformare in un ricordo prezioso!

By



7 Commenti

  1. Maria Teresa ha detto:

    Tutto bellissimo , avete fatto proprio una bella esperienza e ben spiegato. Io mi ripeto , ma sto sognando con voi , grazie !😘😍😘

  2. Flavia ha detto:

    Post meraviglioso grazie per questo racconto talmente appassionante che quando é finito il postvquasi ci siamo rimaste male volevamo leggere ancora e ancora

  3. kveta ha detto:

    Un viaggio bellissimo che ci fa sognare sicuramente in molti ma non tutti trovano il corraggio di farlo, io mi son permessa di viaggiare con Voi per un momento spero mi perdonerete. Vi auguro di cuore per Vostri prossimi viaggi tanta fortuna e divertimanto e sono convinta che ci ritroveremo qui!

    • HerbaPatiStyle ha detto:

      Grazie mille e benvenuta nel nostro blog. E’ un piacere portarti con noi nelle nostre avventure in giro per il mondo, Stai collegata perchè nei prossimi mesi ci saranno ben 4 volate oltre oceano. Un abbraccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *